Football spin off: stadi a Londra

Premessa: stavolta l’articolo è scritto solo con mano maschile, per parlare di una football adventure vissuta nella capitale inglese.

Qualsiasi appassionato di calcio conosce lo stile architettonico anglosassone di uno stadio e sa bene che a Londra è pieno di squadre più o meno blasonate, che militano in ogni categoria nazionale. Si possono trovare club da nord a sud, da est a ovest, lungo il Tamigi, tra un agglomerato di case o in mezzo al nulla. La mia esperienza (specifico che eravamo presenti entrambi) è rivolta a due degli impianti più importanti e rinomati della città.

Stamford Bridge Stadium

Stamford Bridge è lo stadio del Chelsea FC. A dispetto del nome del club, l’impianto si trova nel limitrofo quartiere di Hammersmith & Fulham. È facilmente raggiungibile con la linea verde District, fermata Fulham Broadway.

2017-08-17 12.25.05
Stamford Bridge Stadium

La struttura si presenta subito affascinante per gli amanti del genere, grazie all’importante ampliamento degli anni ’90. Lo stadio, infatti, è ben più vecchio del club, ma ha subito alcune ristrutturazioni nel corso dei decenni. Il tour inizia dalla Mattew Handing (il settore a nord) e ha un costo di 19,00£ a persona intero oppure è gratuito con il London Pass.

Siccome ho un po’ di tempo prima che inizi il giro, decido di far visita al museo, che si trova proprio sopra la biglietteria. Si può fare anche una foto con l’ultima Premier League vinta della stagione 2016-2017, ovviamente ad un prezzo tutt’altro che economico. Qui dentro si può apprezzare tutta la storia ultracentenaria del club e vedere dal vivo tutti i trofei conquistati, specialmente in epoca recente: vari titoli di campionato inglese, la Coppa delle Coppe del 1998 con molti italiani protagonisti in campo, ma soprattutto la “coppa dalle grandi orecchie”, la Champions League, vinta nel 2012 e la celebrazione degli undici titolari, con filmati in loop della finale di Monaco di Baviera.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il tour è guidato, rigorosamente in lingua inglese, e tocca ogni parte dello stadio, dalle tribune agli spogliatoi, passando per il terreno di gioco e le panchine, la sala stampa e gli uffici interni. Un impianto formidabile e perfetto per godersi la partita: da ogni seggiolino la vista è perfetta, con le tribune a pochi centimetri dal campo. Molto piacevole camminare all’interno di ogni settore, immaginando i tifosi nel pre-match con qualche birra in corpo pronti per sostenere i blues.

Immancabile il negozio a fine giro, così come è altrettanto immancabile (direi per me obbligatorio) acquistare un souvenir.

Emirates Stadium (e piccola visita ad Highbury)

L’altro grande stadio di Londra, il terzo per capienza, che ho visitato è stato l’Emirates, casa della squadra più titolata della capitale: l’Arsenal Football Club.

L’impianto si trova nel quartiere di Ashburton Grove2017-08-18 16.08.58 zona nord della capitale. La fermata della metropolitana prende il nome della squadra, Arsenal, ed è anch’essa facilmente raggiungibile con la linea blu Piccadilly. Questo stadio ha poco più di 10 anni. La storia del club, invece, è stata scritta in un altro impianto, situato poco distante da lì, del quale però è rimasta solo parte della struttura. 2017-08-18 13.40.25Da appassionato mi sono sentito in dovere di visitare il vecchio Highbury e mi sono intrufolato nel complesso residenziale che è diventato. Che atmosfera da pelle d’oca!

L’Emirates è veramente sontuoso e completamente diverso da Stamford Bridge: di forma cilindrica, è inevitabile notare la gigantografia dei campioni del passato e la modernità della struttura, quasi tutta vetri.

2017-08-18 14.20.06
Emirates Stadium

Il tour qui parte direttamente dallo store, acquistabile a 22,00£ o gratuito con il London Pass. Stavolta non è prevista la guida “fisica”, ma un’audioguida anche in lingua italiana. Un piccolo monito: non c’è deposito per bagagli, quindi se avete le valigie vi tocca portarle appresso per tutto il giro!

Anche internamente la modernità dell’impianto è notevole, con ascensori per ogni livello e finiture di classe. Questo è il salottino vip, con bar privato di lusso e piccola vetrinetta in cui vengono ricordati gli invincibles, imbattuti per 49 gare:

Proseguendo, passo per gli spogliatoi con una super jacuzi e l’ufficio di Mr. Wenger,

mentre in un’altra sala è possibile scattare una foto (ovviamente a pagamento salato) con l’ultima FA Cup conquistata a maggio 2017. Ogni sala è stata creata per essere un capolavoro, mi sono quasi sentito in un hotel a cinque stelle!

È da bordo campo che però mi rendo conto che questo stadio è qualcosa di unico: mi sento dentro ad un’arena di gladiatori, circondato a 360° da spalti meravigliosi.

2017-08-18 15.03.25
Vista dal campo
2017-08-18 14.37.48
Panoramica dalle prime file

Il tour non può non concludersi nel negozio ufficiale della squadra, in cui è possibile anche richiedere gratuitamente un simpatico attestato di partecipazione al tour.

2017-08-28 15.31.29
Statua di Thierry Henry

Lo spettacolo continua all’esterno: sul piazzale sorgono le statue dei più grandi eroi della storia dei gunners. Non posso non mostrare riverenza al più grande di tutti, che qui è paragonato al re: Thierry Henry.

Aggiungo un piccolo richiamo ad un hashtag per capire meglio il mondo Arsenal, visibile su Instagram: #innamorarsialondra

All’esterno dell’impianto trova spazio il museo, piuttosto modesto ma pieno di storia.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Due impianti unici: da un lato la storia di uno stadio nato quasi come un campetto di quartiere in cui disputare diversi sport, dall’altro una chicca ideata appositamente per diventare un tempio del football biancorosso. Senza dubbi le squadre italiane hanno molto da imparare.

Se ti è piaciuto il racconto, condividilo con qualche tuo amico, parente o conoscente. Se non ti è piaciuto, aiutaci a migliorarlo con dei consigli, puoi trovare i nostri recapiti alla pagina contatti. Grazie!

Davide (e Yle fotografa)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...